Fenicottero Rosa (Phoenicopterus roseus) - Terra di Maremma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Fenicottero Rosa (Phoenicopterus roseus)

Il Fenicottero rosa o Fenicottero maggiore (Phoenicopterus roseus, Pallas 1811) è un grande uccello diffuso in Asia, Africa e, in Europa meridionale, specialmente in Sardegna e nelle Valli di Comacchio, in Emilia-Romagna e Veneto in Italia.
Presenta piumaggio con sfumature rosa e collo lunghissimi, becco simile alla benna di una scavatrice e munito di lamelle come la bocca delle balene, un modo dimangiare a testa in giù a sfiorare l'acqua.
Fino a una ventina di anni fa, in Italia i fenicotteri si potevano incontrare solo d'inverno, e quasi esclusivamente in Sardegna.
La specie è ormai nidificante regolare nel nostro Paese. I siti riproduttivi el il numero delle coppie sono peò soggetti a varaiazioni notevoli, perchè il fenicottero per riprodursi con successo ha bisogno della presenza contemporanea di diverse condizioni: grandi distese di acqua bassa, dolce o salmastra, abbondanti risorse alimentari (soprattutto crostacei dell aspecie Artemia salina), condizioni climatiche favorevoli (l'aumento di livello dell'acqua può distruggere tutti i nidi) e assenza di disturbo da parte di predatori animali e intrusi umani.

Identificazione
Dimensioni: 125-155 cm.
Caratteri distintivi: molto grande, collo e zampe lunghissimi, piumaggio bianco sfumato di rosa, ali rosse e nere.
Habitat:
lagune, saline, stagni salmastri.
Maschi/Femmina: femmina più piccola; giovane grigiastro, zampe grigie.
Canto: in volo, richiamo sonori simili a squilli di tromba; in alimentazione, brontolio continuo.

In volo i fenicottri tengono il collo tutto proteso in avanti e le gambe tese all'indietro, e battono le ali, rosse e nere. Il decollo è preceduto da una corsa a grandi balzi sul pelo dell'acqua.

Alimentazione

Il fenicottero rosa si alimenta solo di alghe e crostacei planctonici che gli conferiscono il caratteristico colore rosa a causa del betacarotene in essi contenuto.

Riproduzione
I fenicotteri nidificano in colonie ,olto numerose, a volte associate a colonie di gabbiano reale. La femmina depone un unico uovo, covato da entrambi i genitori per  almeno 4 settimane.
Alla schiusa i pulcini sono coperti da un piumino lanoso grigio chiaro, che si scurisce progressivamente.
Tutti i nuovi nati della colonia sono radunati in gruppi, chiamati "asili", formati anche da centinaia di pulli, eppure i genitori riescono a riconoscere il proprio pulcino e nutrirlo.
Il nido è in genere un cono di fango, con una conchetta imbottita di alghe e pezzetti di erba palustre, anche se a volte l'uovo è seposto in una semplice depressione appena raschiata sul terreno.
Durante la nidificazione i fenicotteri sono molto sensibili al disturbo.

  Uova: 1
  Colore: bianco
  Dimensione: 90,3 x 54,3 mm
  Incubazione: 28-31 giorni
  Involo: 70-75 giorni
  Covate: 1


Distribuzione

È l'unica specie di fenicottero che nidifica in Europa. Nidifica in Sardegna, Emilia-Romagna e Puglia. Sverna soprattutto in Sardegna, Alto Adriatico, litorale toscano con abbondadate popolazione nella laguna do Orbetello e Lago di Burano, Puglia.
Nella Laguna di Orbetello nidifica una piccola popolazione.
E' Possibile vederlo tutto l'anno; più abbondante d'inverno. Popolazione in incremento ma con forti oscillazioni in Italia.

Fonte WIKIPEDIA e GLI UCCELLI DeAGOSTINI

L'ora in MAREMMA:
Torna ai contenuti | Torna al menu