Argiope bruennichi (ragno vespa) - Terra di Maremma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Argiope bruennichi (ragno vespa)

Il ragno vespa (Argiope bruennichi Scopoli, 1772) è una specie di lt ragno, così denominato per la colorazione dell'addome giallo e nera simile alla colorazione delle vespe.

Viene anche chiamato comunemente ragno tigre, epeira fasciata, ragno zebra o argiope fasciata.

Descrizione  
Le femmine misurano circa 2–5 cm, i maschi circa la metà o anche meno.

La livrea delle femmine ha una caratteristica colorazione a strisce gialle e nere a cui si deve il nome comune della specie. I maschi, invece, sono caratterizzati da colori scuri e molto più uniformi.

Biologia  
Il ragno vespa non è aggressivo, se disturbato mette in atto una strategia difensiva molto particolare: rimanendo al centro della tela, le imprime un movimento oscillatorio molto rapido, per un tempo che può variare dai 15 ai 30 secondi.

Se questa tattica di "dissuasione" non ha effetto sceglie la fuga pur rimanendo nei paraggi fino a minaccia cessata.

In caso di eventuale morso, gli effetti del veleno sono blandi; si avverte il dolore causato dall’azione meccanica dei cheliceri e un arrossamento della parte interessata. I sintomi scompaiono nell’arco di alcune ore.
Una curiosità si ha nell'accoppiamento di tali aracnidi, infatti quasi sempre le femmine di questi ragni uccidono i loro pretendenti maschi, a meno che questi ultimi non riescano a fuggire prima; spesso nel tentativo di fuga il pene degli individui maschi si spezza all'interno delle femmine, non permettendo che altri ragni fecondino la stessa, e assicurandosi così il successo riproduttivo.

Distribuzione e habitat

Questo tipo di ragno è diffuso in gran parte d'Europa.

Vivono in quasi tutti gli ambienti, e molto importante per questa specie e avere lo spazio necessario per la costruzione della sua ampia tela: luoghi prediletti per l'edificazione delle ragnatele sono gli arbusti.


Fonte WIKIPEDIA e GUIDA AI RAGNI D'EUROPA (Franco Muzio editore)

L'ora in MAREMMA:
Torna ai contenuti | Torna al menu