Stomoxys calcitrans - Terra di Maremma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Stomoxys calcitrans L.

La Stomoxys calcitrans Linnaeus, 1758, nota impropriamente anche come mosca cavallina, è un insetto dell'ordine dei Ditteri (Brachycera: Muscidae) noto per la sua ematofagia.

La mosca cavallina (o mosca delle stalle o pungente) è un po' più grande della mosca domestica; presenta un apparato boccale pungente-succhiante.
Pur essendo diffusa maggiormente presso gli allevamenti e le aziende agricole, non ha preferenze particolari riguardo l'ospite e perciò può pungere qualsiasi mammifero compreso l'uomo, che attacca soprattutto alle caviglie, anche attraverso le calze. Molto aggressiva e vorace.
Questo fastidioso insetto parassita è attivo solo di giorno e, una volta localizzata la sua vittima, atterra ed inizia a succhiare sangue perforandone la pelle di solito in corrispondenza delle ginocchia, del collo e delle parti inferiori delle zampe, dove trova i vasi sanguigni più esposti.
E' un insetto infestante delle stalle: può ridurre il bestiame all’anemia, perdita di peso e riduzione della produzione di latte, oltre a favorire la diffusione di malattie (febbre equina, brucellosi, influenza suina) e parassitosi, con gravi danni economici per gli allevatori

Ciclo biologico
Il pasto di sangue è compiuto da entrambe i sessi.
Le uova della mosca delle stalle vengono deposte singolarmente o in gruppi di 25-30 unità. L'incubazione ha una durata di 1-4 giorni ed è condizionata da temperatura e umidità.
Le larve sono coprofaghe e vivono nelle concimaie. Lo sviluppo larvale può avvenire a carico di svariati substrati organici in decomposizione caratterizzati da un’elevata carica batterica ammassati sia all’interno delle stalle sia all’esterno e il tempo necessario al completamento del ciclo di sviluppo è fortemente influenzato dalla temperatura; in effetti il ciclo uovo-adulto richiede circa 60 giorni a 15°C e circa 12 giorni a 30°C. Dopo due mute si impupano.
Gli adulti hanno vita breve: il maschio muore subito dopo l'accoppiamento, e la femmina poco dopo la deposizione delle uova.
L'ora in MAREMMA:
Torna ai contenuti | Torna al menu