Philaeus chrysops - Terra di Maremma

Vai ai contenuti

Menu principale:




Philaeus chrysops

Caratteristiche
Con il suo corpo lungo 7-12 mm è il più grande Salticidae presente in Europa centrale insieme a Sitticus Iongipes. Oltre a maschi molto grandi si possono trovare anche forme nane dal corpo lungo solo 5 mm. I due sessi presentano livree decisamente diverse, tanto da renderne difficoltosa l'attribuzione alla stessa specie a prima vista. Prosoma del maschio  nero pece, con chiazze o strisce di peli bianchi tra gli occhi e nella zona posteriore; opistosoma rosso chiaro brillante con macchia lanceolata sul dorso. Pedipalpi e terzo e quarto paio di zampe bianchi, primo e secondo paio di zampe prevalentemente con peluria giallo-arancio. Femmina con prosoma bruno-nero, in genere con 2-3 strisce di peli chiari, opistosoma marrone chiaro o scuro con banda mediana da bruna a nera, dai bordi laterali bianchi e dall'estremità posteriore appuntita; la larghezza e lunghezza della banda scura e anche la larghezza dei bordi bianchi presentano però forti oscillazioni individuali. Esemplari adulti da aprile a luglio.

Distribuzione

Habitat caldi e asciutti, genralmente sassosi o rocciosi. Molto ampiamente diffuso nel bacino del Mediterraneo, con presenza abbondante in molti luoghi, su rocce costiere come anche in aree detritiche montane quasi prive di vegetazione o su muri in aree antropizzate e uliveti.

Comportamento
Questo ragno si aggira spesso su rocce, muri e terreni aperti, ma lo si può trovare regolarmente anche su piante (soprattutto tra il fogliame delle querce). I maschi si affrontano occasionalmente tra loro con finte lotte piuttosto vivaci, in cui tuttavia non si toccano ma cercano solo di imporsi sull'avversario. Anche durante il corteggiamento la splendida colorazione del maschio sembra avere una valenza molto importante. Si presenta infatti alla prescelta in tutto il suo splendore con il primo paio di zampe sollevato. Questa gli concede infine di avvicinarsi, i due ragni si uniscono in uno stretto abbraccio e poi si accoppiano.  Se le condizioni atmosferiche sono sfavorevoli, questi ragni amanti del caldo restano nascosti in rifugi sericei tessuti sotto le pietre. In questi rifugi, all'inizio della primavera le femmine depongono i loro ovisacchi. Curiosità Nel vastissimo areale di diffusione di questa specie, in Europa meridionale, si possono trovare esemplari con livree spesso molto diverse da luogo a luogo (p. es. femmine con opistosoma giallo-rosso e maschi con disegno bianco molto esteso). Ma tutte queste forme, perlomeno in Europa, appartengono alla stessa specie. Il nome specifico chrysops ("occhi d'oro") non descrive al meglio gli occhi di questa specie che presentano solo un vago riflesso verdognolo; sarebbe molto più adatto per una specie come.

Fonte GUIDA AI RAGNI D'EUROPA

L'ora in MAREMMA:



Torna ai contenuti | Torna al menu