Parco Regionale della Maremma - Terra di Maremma

Vai ai contenuti

Menu principale:


Parco Regionale della Maremma

Il Parco naturale della Maremma è stato il primo parco della Regione  Toscana , istituito con L.R. 65 del  5 giugno   1975 .
È una delle mete più interessanti della  provincia grossetana . Al suo interno si trovano alcune aree di costa fra le più belle e intatte del litorale maremmano.
Nel  1992  è stato insignito del  lt Diploma europeo delle aree protette .

Provvedimenti istitutivi

Parco naturale della Maremma: L.R. 65 del  lt 5 giugno   1975 . All'interno del Parco regionale si trova il  sito di interesse regionale  (SIR) "Pianure di Maremma": l'area è tutelata anche come  zona di protezione speciale  ( ZPS), e il SIR "Dune dell'Uccellina", anch'esso sito di interesse comunitario (SIC) e zona di protezione speciale (ZPS) e completamente ricompreso nel Parco naturale.

Territorio

Il Parco ha un'estensione di 9800 ettari e si estende, lungo costa, dal paese di  Principina a Mare  (comune di  Grosseto ), fino al Paese di  Talamone  (comune di  Orbetello ).
Nel suo territorio ricadono gli ultimi terreni paludosi nei pressi della foce dell' Ombrone , che, ricchi di vita e ancora selvaggi, ospitano importanti colonie di uccelli palustri.
Più a sud la zona è composta dai  monti dell'Uccellina  ricoperti da una fitta  lt macchia mediterranea  e verso est, ai piedi dei monti, da vaste distese erbose, dove si trova la Fattoria di Spergolaia centro amministrativo dell'azienda regionale e sede dei  butteri .
La tipologia ambientale prevalente nel SIR "Pianure di Maremma " è data da praterie secondarie e aree agricole abbandonate, in gran parte utilizzate come pascoli per il bestiame semibrado, zone umide di acqua dolce o debolmente salmastra, seminativi. Vaste estensioni del sito sono allagate per parte dell’anno. Tra le altre tipologie ambientali rilevanti ci sono il tratto fluviale prossimo alla foce, la macchia mediterranea, i filari e le alberature, i piccoli nuclei di pino domestico. Questa parte di Toscana è un esempio relittuale di complessi palustri, di elevato valore naturalistico e paesaggistico, utilizzati a scopo produttivo (attività di pascolo semibrado, con vacche e cavalli di  razza maremmana ).
Il SIR "Dune dell'Uccellina" costituisce uno dei sempre più rari tratti significativi di costa sabbiosa, con limitata antropizzazione e con dinamismo vegetazionale non condizionato dal turismo balneare. La tipologia ambientale prevalente è data da sistemi dunali privi di impianti balneari quindi di grande importanza per la salvaguardia delle specie sia psammofile che psammoalofile. Il sito è importante anche per la conservazione di un endemismo esclusivo della zona:  lt Limonium etruscum . Importante la presenza di  Burhinus oedicnemus . Costa sabbiosa, in gran parte in regressione, con cordoni dunali e depressioni retrodunali, caratterizzate dalle tipiche formazioni vegetali di anche di ambienti umidi, generalmente in ottimo stato di conservazione.

Flora
Le colline dell'Uccellina sono ricoperte da una fitta  macchia mediterranea , molto varia nella specie che la compongono, e da  oliveti  secolari. Ci sono: I  lt lecci , le  querce da sughero , i  cisti ,  rosmarino , l' erica ,  lentisco ,  corbezzolo ,  aglio selvatico  e  ginestra .

Pianure di Maremma

Tra le specie vegetali di rilievo presenti nel SIR "Pianure di Maremma" ci sono: l'  Artemisia coerulescens var. palmata , una specie molto rara in Toscana, segnalata nei prati salsi del Parco della Maremma e del  Padule di Scarlino ; l'  Halocnemum strobilaceum , specie presente in Toscana nell’unica stazione della  Palude della Trappola ; la  Puccinellia palustris , specie delle aree palustri salmastre, presente in Toscana in stazioni relitte al  Tombolo pisano  ( Bosco Ulivo ) e alla Palude della Trappola.

Dune dell'Uccellina

Per quel che riguarda al  fitocenosi : pratelli alofili retrodunali, a sud di  Collelungo  (Porto Vecchio), con  Limonium etruscum , endemismo esclusivo del Parco della Maremma, oggi ridotto a una sola area di limitata estensione, minacciato dalla variazione della linea di costa. Popolamenti floristici tipici degli habitat di anteduna, duna e retroduna.

Fauna

Il Parco ospita numerose colonie di uccelli acquatici come  lt anatidi ,  garzette ,  lt aironi ,  fenicotteri  e alcuni esemplari di  rapaci  tra cui il  falco pescatore , recentemente reinserito. La fauna tipica delle aree a macchia è composta da  cinghiali ,  lt caprioli ,  daini ,  lt istrici ,  tassi ,  lt volpi ,  rettili  di varie specie e molti uccelli.
Nelle distese erbose ai piedi dell'Uccellina pascolano le  vacche maremmane  e i  lt cavalli maremmani .

Pianure di Maremma
All'interno del SIR "Pianure di Maremma", sono presenti, tra gli  insetti : il lepidottero  Euplagia quadripunctaria .
Tra i  pesci : l'alosa ( lt Alosa fallax ). Tra i  rettili : la testuggine di Hermann ( Testudo hermanni ), la testuggine d’acqua ( Emys orbicularis ), il cervone ( Elaphe quatuorlineata ).
Il sito è un’importantissima area di svernamento per gli uccelli acquatici (area d'importanza internazionale e principale sito italiano di svernamento dell’oca selvatica ( Anser anser ), area d'importanza nazionale per alcune altre specie). Altrettanto importante il ruolo svolto come area di sosta durante le migrazioni. Tra gli uccelli, nel SIR sono presenti: il tarabuso ( lt Botaurus stellaris ) è migratore regolare e svernante presumibilmente regolare; il falco di palude ( Circus aeruginosus ) è migratore e svernante; il lanario ( Falco biarmicus ) è migratore e svernante, forse regolare; la moretta tabaccata ( Aythya nyroca ) è migratore regolare, svernante occasionale; la volpoca ( Tadorna tadorna ) è migratore regolare, svernante irregolare; l'occhione ( Burhinus oedicnemus ) è nidificante e svernante, nell'unico suo sito di svernamento regolare in Toscana; la ghiandaia marina ( lt Coracias garrulus ) è nidificante.
Tra i  mammiferi , è presente il rinolofo euriale ( Rhinolophus euryale ), un  lt chirottero .

Dune dell'Uccellina
Nel SIR, tra i  rettili : il cervone ( Elaphe quatuorlineata ); la testuggine di Herman ( Testudo hermanni ).
Tra gli  insetti :  Euplagia quadripunctaria .
Tra gli  uccelli : (l'occhione ( lt Burhinus oedicnemus ) è nidificante nel sito o ai suoi margini. Il sito, soprattutto nelle porzioni a nord del Fiume Ombrone, costituisce un’importante area di sosta e svernamento per numerose specie di uccelli.

Luoghi di interesse

Nel parco naturale della Maremma vi sono anche numerosi siti archeologici, alcuni etruschi-romani, altri risalenti al periodo medioevale, come le torri di avvistamento e l' Abbazia di San Rabano  risalente al 1100 e recentemente restaurata.

Servizi
Il Centro Visite principale si trova ad  Alberese . L' acquario della Laguna di Orbetello  con sede a Talamone ha funzione di Centro Visite per gli itinerari da Talamone.
Numerosi sono gli itinerari, caratterizzati da diversi livelli di difficoltà; si va dai più semplici, alcuni anche per portatori di handicap ai più complessi senza tuttavia raggiungere mai livelli molto impegnativi. Sono possibili numerose escursioni naturalistiche, gite a cavallo, in canoa, escursioni notturne e per l'osservazione di volatili.

Fonte WIKIPEDIA

L'ora in MAREMMA:


Torna ai contenuti | Torna al menu