Hermetia illucens - Terra di Maremma

Title
Vai ai contenuti
Hermetia illucens
  
Hermetia illucens (Linnaeus, 1758) è un insetto dittero della famiglia Stratiomyidae; la specie è originaria del continente americano, ove è conosciuta come black soldier fly ("mosca soldato nera"), ma ha attualmente una distribuzione cosmopolita.
Le larve di questo dittero si rinvengono frequentemente negli impianti di compostaggio e di smaltimento dei rifiuti, all'interno dei quali svolgono un utile ruolo nella riduzione della massa e del carico inquinante dei rifiuti stessi.; rivestono inoltre un ruolo significativo in entomologia forense.

Descrizione
Adulto
È un dittero di medie dimensioni, con corpo lungo 15-20 mm, di colore prevalentemente nero, con riflessi metallici dal blu al verde sul torace e talora con estremità dell'addome rossastra. Il secondo tergite addominale presenta delle aree translucide, da cui deriva l'epiteto specifico. Il capo è largo, con occhi molto sviluppati. Le antenne sono lunghe circa il doppio della testa. Le zampe sono nere con tarsi biancastri. Le ali sono membranose, in fase di riposo ripiegate orizzontalmente sull'addome e sovrapposte.
Uova
Le uova misurano circa 1 mm di lunghezza e sono di colore dal bianco crema al giallo pallido. La schiusa avviene in circa 4 giorni.
Larva
La larva nei primi stadi è lunga 1,5-2 mm, apoda ed eucefala, con corpo cilindrico-fusiforme, marcatamente segmentato. Il tegumento è fortemente sclerotizzato con cuticola contenente inclusioni di carbonato di calcio con cristalli esagonali che formano una caratteristica microscultura.
Pupa
La pupa si evolve all'interno dell'exuvia dell'ultimo stadio larvale, caratteristica comune a tutti gli Stratiomyomorpha.

Biologia
Il regime dietetico delle larve è prevalentemente saprofago. Le larve si rinvengono in substrati organici in decomposizione, sia vegetali sia animali, negli escrementi, nei suoli umidi e nelle lettiere, nella corteccia degli alberi, ecc.
Lo sviluppo postembrionale passa attraverso 6 stadi. Al sesto stadio si osserva la riduzione delle parti boccali e la accentuazione delle inclusioni di carbonato di calcio sulla cuticola, che si indurisce formando una vera e propria custodia per l'impupamento.
Gli adulti non hanno bisogno di nutrirsi, mantenendosi esclusivamente con le sostanze nutritive accumulate durante lo stadio larvale. A differenza di altri ditteri saprofagi, gli adulti degli Stratiomidi non hanno rapporti con il substrato di crescita delle larve, fatta eccezione per la fase di ovideposizione.

Distribuzione e habitat
Hermetia illucens è una specie di origine neotropicale ma negli ultimi decenni si è diffusa in tutti i continenti divenendo praticamente cosmopolita.
In
Europa è segnalata nella penisola Iberica, nella Francia meridionale, in Italia, in Croazia, a Malta, nelle Isole Canarie e in Svizzera.
In Italia fu segnalata per la prima volta nella metà dello scorso secolo
[5]. Attualmente è diffusa in tutta la penisola e nelle isole maggiori, e sta soppiantando come degradatore sarco-saprofago i ditteri autoctoni con nicchie ecologiche affini. Questa sua rapida diffusione è spiegabile in base alle sue caratteristiche biologiche: H. illucens infatti è un vorace competitore e predatore di altri ditteri ed è inoltre in grado di inibire lo sviluppo di altre specie tramite allomoni. Questa specie inoltre non è attaccata da parassitoidi ed è estremamente resistente agli agenti chimici e agli insetticidi.
Importanza
Come la gran parte degli Stratiomidi è un insetto ecologicamente utile in quanto interviene nel ciclo del carbonio nelle prime fasi della decomposizione della sostanza organica.
Le larve di questa specie sono saprofaghe e si rinvengono in svariati substrati organici in decomposizione, fra cui i rifiuti organici sottoposti a compostaggio, il letame, i liquami, i cadaveri dei vertebrati. La loro biologia è stata ampiamente studiata, per le implicazioni pratiche, e sono ben noti i tempi di sviluppo dei sei stadi larvali. Gli ambiti di applicazione sono differenti e alcuni di questi hanno, sia pure in prospettiva, importanza non trascurabile per i benefici che si potrebbero trarre sotto il punto di vista economico, ambientale, energetico.
il beneficio derivante dalla competizione alimentare delle larve di H. illucens che, occupando la stessa nicchia ecologica dei ditteri saprofagi vettori di agenti patogeni, ne ostacola la proliferazione riducendone l'impatto igienico-sanitario.

Fonte WIKIPEDIA
L'ora in MAREMMA:
Torna ai contenuti