Combattente (Philomachus pugnax) - Terra di Maremma

Vai ai contenuti

Menu principale:


Combattente (Philomachus pugnax)

Il combattente (Philomachus pugnax Linnaeus, 1758) è un uccello della famiglia degli Scolopacidae, unico rappresentante del genere Philomachus.

Caratteri distintivi
23-29 cm. La femmina è circa il 25% più piccola del maschio. Il maschio è inconfondibile in piumaggio nuziale, con un enorme collare e ciuffi auricolari eccezionali, in un;infinita combinazione di nero, bianco, bruno, ecc.; in volo il collare conferisce un aspetto a collo grosso. Gli adulti in piumaggio primaverile e autunnale hanno parti superiori brune con chiazze scure, in contrasto con il mento e il ventre chiari. Colore del becco e delle zampe estremamente variabile, sebbene le zampe siano spesso gialle. La femmina e il maschio in inverno hanno parti superiori a scaglie scure e color sabbia, petto color isabella non macchiato. I giovani somigliano alle femmine, ma hanno parti superiori più distintamente a scaglie e petto rossiccio chiaro. In piumaggio d’eclisse può assomigliare alla Pettogola, ma si distingue per la testa più piccola e arrotondata, il becco più corto e il collo più lungo; spesso forma densi stormi durante l’attività di foraggiamento (la Pettegola raramente) e, in volo, non presenta margine alare posteriore bianco. In primavera i maschi effettuano esibizioni sessuali con voli rituali. Nidifica nei prati stabili.

Distribuzione e habitat
Questo uccello ha un vastissimo areale: vive in tutta Europa, Africa e Asia, in Australia, in Alaska, Stati Uniti e Canada occidentali e orientali, nel Sud America settentrionale fino a Brasile e Perù, e nei Caraibi. È accidentale in Islanda, Hawaii, Nuova Zelanda, su alcune isole del Pacifico, sulle Comore, Mauritius, Maldive, in Corea del Nord e Laos.
Nidificante localmente comune al Nord; in netto declino nelle regioni meridionali, a causa della modernizzazione dell’agricoltura e della bonifica delle zone umide. Habitat: Nidifica in prati stabili, ericeti allagati, acquitrini nella tundra, ecc. Al di fuori della stagione riproduttiva anche lungo i margini fangosi di laghi e piccoli specchi d’acqua dolce.


Alimentazione
Si ciba principalmente di insetti e loro larve, ma anche di vermi, molluschi, crostacei, piccoli semi e alghe.

Fonte WIKIPEDIA e UCCELLI D'EUROPA

L'ora in MAREMMA:

Torna ai contenuti | Torna al menu