Anacamptis morio - Terra di Maremma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Flora

Anacamptis morio


L'Orchide minore (Anacamptis morio (L.) R.M.Bateman, Pridgeon & M.W.Chase, 1997), anche nota come Giglio caprino, è un'orchidea appartenente al genere Anacamptis.
È una delle più diffuse orchidee selvatiche in Italia; infatti quasi in ogni regione esiste un nome diverso per questo fiore. Pur sempre riconoscibile, presenta una notevole variabilità nel colore dei petali.


Descrizione
È una pianta erbacea alta 10–35 cm, con fusto cilindrico di colore verde, violaceo verso la sommità.
L'apparato radicale è composto da due rizotuberi rotondeggianti.
Le foglie sono da ellittiche a lanceolate; quelle basali sono riunite a rosetta mentre quelle cauline inguainano il fusto. Le brattee sono lanceolate, verdi, talora macchiate di porpora alle estremità.
I fiori, di colore dal rosa al viola (ma non sono rare le forme albine), sono riuniti in infiorescenze oblunghe, più o meno dense. I sepali sono ovato-oblunghi, i petali un po' più stretti. Illabello, leggermente trilobato, con labello mediano più grande dei laterali, ha margini crenulati; la parte centrale è in genere più chiara e presenta una punteggiatura violacea. Losperone è cilindrico, orizzontale o ascendente, più corto dell'ovario. Il ginostemio è a becco corto, con logge dell'antera color porpora e masse polliniche verdastre.
Alcuni autori hanno descritto una forma di colore più chiaro e con fusto più gracile come una specie a sé stante, denominata A. picta; recenti ricerche basate su marcatori molecolari sembrano contraddire, almeno per le forme presenti sul territorio italiano, tale inquadramento.
Fiorisce da aprile a giugno.
Il numero cromosomico di Anacamptis morio è 2n=36.

Riproduzione
Si riproduce per impollinazione entomofila ad opera di imenotteri del genere Bombus.

Distribuzione e habitat
Si trova quasi in tutta Europa e nei paesi del bacino del Mediterraneo.
In Italia è presente su quasi tutto il territorio, con l'eccezione della Sardegna.
Il suo habitat va dai prati magri, alle garighe, alle radure di macchia, ai boschi luminosi, con preferenza per i terreni leggermente acidi, alla luce piena del sole o in mezz'ombra. Cresce da 0 a 1900 m di altitudine.

Tassonomia
Descritta da Linneo come Orchis morio questa specie è stata recentemente assegnata al genere Anacamptis .
Il numero cromosomico di Anacamptis morio è 2n=36.
Sottospecie
  • Anacamptis morio subsp. caucasica
  • Anacamptis morio subsp. longicornu (syn: Anacamptis longicornu)
  • Anacamptis morio subsp. morio
  • Anacamptis morio subsp. picta
  • Anacamptis morio subsp. syriaca
Ibridi
Può dar luogo a ibridi con altre specie di Anacamptis:
  • Anacamptis × gennarii (A. morio × A. papilionacea)
  • Anacamptis × laniccae (A. morio × A. pyramidalis)
Sono inoltre stati descritti ibridi con altri generi di Orchidinae tra i quali:
  • ×Serapicamptis (Anacamptis × Serapias) [3]
    • × Serapicamptis bevilacquae (Penz.) J.M.H.Shaw, 2005 (A. morio × S. neglecta)
    • × Serapicamptis capitata (E.G.Camus) H.Kretzschmar, Eccarius & H.Dietr., 2007 (A. morio × S. lingua)
    • × Serapicamptis correvonii (E.G.Camus & A.Camus) J.M.H.Shaw, Orchid Rev., 2005 (A. morio × S. lingua)
    • × Serapicamptis ducoroniae (P.Delforge) J.M.H.Shaw, 2005 (A. morio × S. orientalis subsp. apulica)
    • × Serapicamptis fontanae (E.G.Camus) H.Kretzschmar, Eccarius & H.Dietr., 2007 (A. morio × S. vomeracea)
    • × Serapicamptis garbariorum (Murr) J.M.H.Shaw, 2005 (A. morio × S. vomeracea)

Fonte WIKIPEDIA

    L'ora in MAREMMA:
    Torna ai contenuti | Torna al menu